Ho deciso: vado in Russia!

Ho deciso: vado in Russia!

Oggi vi racconto perché, ad un certo punto della mia vita, decisi di partire per la Russia.La prima volta che approdai in Russia lo feci per un motivo ben preciso: ammetto che a spingermi verso la terra di Tolstoj non fu la curiosità del viaggiatore, bensì l’ansia. Avevo appena concluso il mio primo anno di specialistica a Ca’ Foscari e il mio russo, ad essere sinceri, era pessimo. Il fatto di aver trascorso di recente un periodo di studio in Irlanda senza averlo potuto praticare mi aveva fortemente penalizzato e, nonostante la Laurea Triennale presa a Urbino con il massimo dei voti, mi sentivo molto indietro nella dimestichezza della lingua rispetto ai miei compagni di corso. Come se non bastasse, quell’anno a Ca’ Foscari c’era un’insegnante madrelingua di cui non farò il nome che amava accanirsi con gli studenti in difficoltà. Essendo profondamente innamorata della sua lingua d’origine, questa professoressa arrivava ad umiliare i poveri ragazzi che osavano maltrattare il russo con errori di grammatica. Probabilmente il suo era un modo per spronarci a fare meglio, ma con me non funzionò: oltre ad avere carenze linguistiche, cominciai a saltare le lezioni con quella professoressa di proposito, andando a peggiorare ulteriormente […]