“I robot ti ruberanno il lavoro ma va bene così”: recensione del libro di Federico Pistono

“I robot ti ruberanno il lavoro ma va bene così”: recensione del libro di Federico Pistono

I robot ti stanno rubando il lavoro, eppure potrebbe non essere una cattiva notizia.

Ci sono libri che ti commuovono, oppure che ti divertono. Altri ancora che non ti lasciano nulla. E poi ci sono libri che ti riaccendono la speranza nel futuro, in grado di darti una boccata d’ossigeno, ancora più necessario di questi tempi con la mascherina: il volume di Federico Pistono, “I robot ti ruberanno il lavoro, ma va bene così”, è uno di questi.

Il libro è stato pubblicato per la prima volta nel 2013 ma gli argomenti che tratta sono attuali: negli ultimi 20 anni la tecnologia ha fatto degli enormi balzi in avanti e sta crescendo in maniera esponenziale. Eppure, noi uomini ne siamo schiavi, invece che padroni. Ci ritroviamo a inseguirla invece di cavalcarla, ne siamo succubi e dipendenti. L’avvento della robotica e degli algoritmi presenta uno scenario desolante: la maggioranza dei lavori e delle mansioni verrà sostituita dalle macchine nei prossimi dieci anni e questo porterà a un inevitabile aumento della disoccupazione. E se invece non dovessimo preoccuparci? E se andasse davvero bene così? Federico propone una possibile versione del futuro ottimista e sostenibile, in cui grazie (e non a causa!) della tecnologia tutti noi potremo lavorare meno e goderci più tempo libero, dove avremo modo di dedicarci alle nostre passioni e alle persone che amiamo.

Non vi anticipo altro e vi lascio la mia recensione-video a seguire. Siccome è la prima volta che ne faccio una, apprezzerei molto se mi lasciaste un commento per dirvi se vi piace come format. In caso, ve lo ripropongo per altri libri che vorrei consigliarvi!

E voi, avete mai letto questo libro? Lo avete apprezzato quanto me?
Un abbraccio smisurato,

Sara

La mia recensione del libro di Federico Pistono

Sara Antonioli - Il bagaglio fuori misura

Sono un'ottimista razionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *